Lupi : «Non tollerabile che il comune faccia cassa con le multe. Spesa di notifica proposta a 5 euro»

Comuni che fanno cassa con le #multe, spese di #notifica dal costo inammissibile, maggiorazione delle multe non pagate perché non notificate al cittadino. Tutto questo non è più tollerabile!
Ho sempre creduto che le multe non servissero per ingrassare i bilanci dei comuni ma che dovessero essere deterrente per educare il cittadino a non commettere più l’errore. Da questo nasceva la norma Lupi che permetteva di pagare le multe al 30% se pagate entro i 5 giorni dalla loro emissione.
È inaccettabile che le amministrazioni comunali usino queste per fare cassa come è inammissibile che le spese di notifica facciano quasi raddoppiare il valore delle sanzioni: pensate che, solo nel Comune di Milano, una multa da 40 euro può avere 18 euro di spese di notifica. Esistono addirittura comuni che fanno pagare la visura ACI.
Come ribadito dall’Antitrust, le risorse tecnologiche di cui disponiamo dovrebbero servire a contrastare questo fenomeno. E invece, nel 2024, ancora perdura.
Per questa ragione Noi Moderati ha proposto un massimo di 5 euro per queste spese di notifica. Invece di gravare sulle tasche dei cittadini come deterrente per i comportamenti scorretti alla guida, il nostro partito è convinto che la strada giusta da perseguire sia quella dell’aumento dei punti tolti sulla patente.
Il nuovo Codice della Strada non deve servire solo per cambiare la qualità dei trasporti dell’Italia ma deve pretendersi come un piccolo passo verso un futuro migliore.
#NoiModerati lavoreremo per dare il nostro contributo affinché l’inefficienza della pubblica amministrazione non si ripercuota sulle tasche degli italiani.